Test d’ingresso Scuole Superiori

687

Test d’ingresso Scuole Superiori- Idea che fa discutere, i presidi di molti Liceo vorrebbero bloccare l’ingresso all’istruzione libera con dei Test d’Ingresso nelle loro Scuole.


Tra gennaio e febbraio c’è un boom di iscritti nelle scuole, nei Licei però non tutti vedono di buon occhio l’ingresso di studenti provenienti da ogni dove e con capacità intellettive e culturali non elevata, questo è quanto emerso da alcune lamentele dei presidi dei licei che affermano

“Non c’è Spazio per tutti, così avremo gli studenti migliori”

Ma subito scoppia la polemica, nel pieno dell’obbligo di istruzione i presidi vorrebbero accendere un semaforo rosso e filtrare il numero di iscritti, normalmente i test di ingresso sono fatti dai professori per vedere a che livello si trovano i vari studenti, e fatta una media si inizia con i vari programmi o con eventuali lezione di base.

Su Repubblica la Preside Cristina Bonaglia di un Liceo di Mantova dichiara

 

Siamo oltre i trenta alunni per ognuna delle nostre sei prime classi, troppi. Faremo come all’università: prova di ammissione e numero chiuso. Useremo il criterio della meritocrazia come ha già deciso il consiglio d’istituto, Invito i genitori a non allarmarsi.

Stessa cosa accade dal 2007 nel Liceo Altiero Spinelli a Torino dove le prove iniziano addirittura dalla quinta elementare, nel Convitto Umberto I di Torino i test avrebbero carattere motivazionale e di valutazione, il Liceo Virgilio chiede la media e non solo il voto di licenza media, ma si potrebbe proseguire oltre.
Niente da dire, la politica interna di una scuola forse non può essere discussa, ma questa potrebbe essere discriminazione, si formerebbero classi con alunni intelligentissimi che correrebbero e avanzerebbero con i programmi approfondendo e imparando e forse superando anche i professori e d’altra parte chi non resterebbe fuori sarebbe costretto in una classe che procede in maniera eccessivamente lenta e senza gli stimoli che i compagni di classe più bravi, generalmente, danno aiutando i compagni di banco.

La Cgil Scuola controbatte sull’assurdità dei Test d’Ingresso Scuole Superiori

Siamo pronti a denunciare le scuole che allestiscono test d’ingresso per le prime superiori. Siamo in piena scuola dell’obbligo e ogni criterio meritocratico, qui, è solo un danno per gli alunni

Forse un test sarebbe più consono dal terzo liceo in poi quando l’obbligo formativo è concluso.

Che ne pensate?

Condividi