Torino Film Festival 2013

876

Torino Film Festival 2013- Paolo Virzì, per la prima volta nei panni di direttore, presenta il Torino Film Festival 2013: “Nel Festival c’è dentro di tutto. Nel segno della bellezza, naturalmente!”

Andato in scena per la prima volta 1982, il Torino Film Festival 2013 si riconfermerà come l’evento cinematografico dell’anno per la categoria del cinema indipendente e quest’anno, per la prima volta, l’onore della direzione sarà affidato nientemeno che a Paolo Virzì, regista, sceneggiatore e produttore livornese.

Durante la presentazione del festival agli studenti di Storia del Cinema dell’Università dei Torino, Virzì ha dichiarato che

“Quest’anno dal Festival non escludiamo niente. La cifra è il pop, nel senso più nobile del termine. Nel Festival c’è dentro di tutto. Nel segno della bellezza, naturalmente!”

Il neo-direttore, le cui opere principali sono dei veri e propri pilastri della commedia all’italiana, per il suo lavoro al Festival ha deciso di confermare la fiducia alla già rodata troupe di collaboratori, capitanati da Emanuela Martini, che negli anni scorsi ha assistito i suoi predecessori.

A pochi giorni dalla conclusione del Festival del Cinema di Roma, Il programma della rassegna del Festival di Torino neanche quest’anno tradisce le aspettative del Festival torinese: cinema giovane e indipendente affiancato a lavori di grandi maestri, cinema che racconta e mostra la vita reale, cinema horror, che porta sul grande schermo i mostri e l’oltretomba da tutti i continenti, cinema che presenta le novità delle serie tv, che ben poco hanno a che vedere con la classica visione seriale e domestica.

Il grande cinema del passato sarà celebrato al Festival di Virzì con l’anteprima mondiale del restauro del celebre capolavoro di Federico Fellini  , per festeggiare il cinquantesimo anniversario dall’uscita del film nelle sale italiane, nel lontano 1963.

Un’altra delle peculiarità del TFF sono da sempre le retrospettive e quest’anno è previsto l’inizio di un viaggio, destinato poi a proseguire nel 2014, nella “New Hollywood”, con i film che appartengono al “nuovo cinema americano tra il 1967 e il 1976”: Emanuela Martini presenterà una raccolta di pellicole che comprenderanno alcuni dei primi lavori di Martin Scorsese, Francis Ford Coppola e Sydney Pollack.

Due sono le opere italiane che maggiormente spiccano nelle liste dei titoli candidati per il concorso principale, due opere che rappresentano un racconto in stile documentario di due realtà molto diverse: la prima è il lungometraggio  “La Mafia Uccide solo d’Estate” realizzato da Pif (nome d’arte di Pierfrancesco Diliberto), mentre la seconda è “Il Treno va a Mosca” di Federico Ferrone e Michele Manzolini, che tratta di un viaggio fatto da alcuni abitanti romagnoli verso il Festival Mondiale della Gioventù Socialista di Mosca nel 1957.

Il vincitore del Festival del Film di Torino del 2013 sarà decretato dallo sceneggiatore e regista messicano Guillermo Arriaga.

Nella serata di Venerdì 22 Novembre, l’apertura del festival sarà affidato ad a un quartetto di star in vacanza a Las Vegas, capitale mondiale del gioco d’azzardo, per un “ultimo” addio al celibato in grande stile: Robert De Niro, Michael Douglas, Morgan Freeman e Kevin Kline.

La chiusura prevede invece la proiezione di “Grand Piano” di Eugenio Mira, un thriller decisamente fuori dell’ordinario, con la sua ambientazione in una sala da concerto: i protagonisti sono Elijah Wood e John Cusack.
Leggi anche: Nice Film Festival

Condividi