Tosi-Salvini, sempre più scontri “No al commissariamento”

201

Il faccia a faccia tra Salvini e Tosi, è l’ultimo tentativo di far rientrare lo strappo nella Lega in Veneto, un confronto a due, in un ristorante nel centro di Milano che per il sindaco dissidente è stato interlocutorio.

La frattura è profondissima ha dichiarato Tosi all’uscita, sono arrabbiato ma lucido, ora può succedere di tutto, il divorzio se ci sarà, potrà essere ufficializzato nella riunione di questa sera della lega veneta, “La decisione di commissariare la riteniamo immotivata e inaccetabile, però c’è la disponibilità e la volontà a provare a riparlarsi per vedere se c’è una via d’uscita” ha detto Tosi.

Tosi-Salvini-770x435

Intercettato all’uscita dal vertice, Salvini parla ancora di Tosi come risorsa per la Lega, ma poi ammette: ” Sempre se rimane in lega”.Anche Maroni avverte, se Tosi esce fa danno a se stesso e al partito, ma la linea del vertice è chiara, per restare non deve creare ostacoli a Zaia in Veneto.E domani un’incontro ad Arcore, tra Salvini e Berlusconi potrebbe sancire il sostegno di Forza Italia alla ricandidatura del Governatore uscente.

A dividere la lega, è anche lo schema di alleanza alle Regionali, impossibile per Salvini correre con Ncd, di avviso opposto Tosi che ha già incontrato Alfano due volte, convinto che la Lega debba evitare la deriva estremista.

Condividi