Trova denaro in un cappotto: lo restituisce.

851

Trova denaro in un cappotto: lo restituisce.  Alcune storie affondano le proprie radici in altre storie, a volte distanti anni luce, altre volte intimamente collegate.


Trova denaro in un cappotto: lo restituisce. Un lieto fine che sorge dalle ceneri di una regione messa in ginocchio dal maltempo, quasi una favola partorita da una drammatica tragedia.
E’ la storia di una donna, come tante, eppure un po’ speciale perché fa parte di quella sempre più ampia schiera di donne e uomini privati della propria abitazione e della propria vita da un’alluvione che solo pochi giorni fa ha piegato la Sardegna.

E’ la storia di chi, avendo perso tutto, si reca al centro smistamento locale per avere qualcosa di asciutto da indossare, un giubbotto per proteggersi dal freddo e dalla pioggia che non smette di cadere.

E’ la storia di due Carabinieri che, abituati a ricevere denunce, lamentele, frammenti di torti subiti e vendette meditate, si trovano di fronte ad una donna un po’ infreddolita, protetta da un nuovo giubbotto e da un’immensa onestà.

Ricevono dalle sue mani una busta: contiene 1180 €.
Una cifra importante se si pensa al periodo che l’Italia sta attraversando; ancora più importante se ci si sofferma per un secondo a riguardare le immagini della tragedia sarda.

Quei soldi non sono suoi e non lo saranno.
Li ha trovati in una delle tasche di quel giubbotto, donato da un ignaro e sbadato benefattore che ne ha scordato il contenuto.

“Tutti quei soldi mi avrebbero fatto comodo”, confessa la donna.

Non ci sentiamo in grado di biasimare chi, di fronte ad una certa somma di denaro, anche irrisoria, decida di intascarsi il bottino fingendo indifferenza. E nella tragedia, probabilmente, la biasimeremmo ancora meno.

“Ma ho pensato non fosse giusto tenerli: la persona che ha donato il cappotto ha già fatto molto per me”.

E’ la più pura delle umiltà, un’onestà che quasi ci imbarazza, consapevoli come siamo che forse, quel gesto, non saremmo mai stati in grado di compierlo.

L’umanità di una donna che ha perso tutto, ma non la propria ferrea onestà. Ed è un gesto che in fondo scalda il cuore, quasi quanto un cappotto nuovo.

Condividi