Categoria terapeutica n.3: “L’uomo infedele indeciso”

3176
uomo-non-ancora-pronto

Uomo Infedele Indeciso- Riconoscerlo per evitarlo

Composizione dell’Uomo Infedele Indeciso

Principio attivo: Inciampare in questa tipologia di uomini equivale ad entrare in un labirinto pieno di equivoci dove loro stessi sono i primi a perdersi. Questo perché prima di tutto se la raccontano e poi te la raccontano, in modo molto convincente e creativo. Un viaggio all’insegna del: “Ci fa o ci è?”.  Non lo saprai mai! E neppur lui.

Eccipienti: L’infedele indeciso, diversamente dall’uomo non pronto, è una categoria maschile atipica, poco diffusa, ma molto pericolosa perché coniuga il piacere della conquista al senso di colpa che lo fa sobbalzare ogni volta che si avvicina in maniera fisica ad una donna.
Ogni carezza, ogni bacio, può mandarlo seriamente in crisi. E il brutto è che manda in crisi anche la donna che, cercando di godersi il piacere con quest’uomo, non arriva mai a gustarselo fino in fondo perché lo sente sempre sul filo del rasoio, mai del tutto convinto. Con loro si arriva all’antipasto. Spesso la cena non prosegue.

Le caratteristiche principali sono molteplici: ego smisurato, sorriso accattivante, abbigliamento alquanto estroso, amore viscerale per le donne, dedizione al lavoro più unica che rara (molto più intensa rispetto a quella che hanno verso la loro fidanzata), poche certezze se non quella di sapere di essere dei fantastici seduttori inconsapevoli, background sentimentale da fare invidia al grande Casanova, curiosità maniacale.
Con questi uomini tutto nasce solitamente con un ironico e innocente incontro dialettico, che si ponte sempre al limite tra una velata seduzione ed un’ingenua voglia di pura conoscenza con la fortunata di turno. Questi uomini sono disarmanti. Apparentemente timidi e quasi indifesi, riescono a farti cadere in un crescendo di curiosità nei loro confronti e allo stesso tempo, quando siete vicini a loro, ti allontanano con parole del tipo; ma, chissà, forse, non saprei, vedremo.
Ti fanno pensare di essere stata te a sedurli, ma in realtà sono loro che conducono il gioco in modo strategico. E allora sbucano fuori con frasi che ti depistano quali:“Ho voglia di vederti e di incontrare te e la tua mente brillante, il resto conta il giusto” oppure “Ho voglia di rivedere te, per la donna che sei, al di là dell’attrazione”.
La mente brillante della donna è l’oggetto del desiderio fino a che non ti chiedono di portare quella mente a prendere un caffè a casa tua. E allora la domanda sorge spontanea: ma se è la donna speciale che vogliono incontrare, se è lo scambio mentale che desiderano, perché il caffè non lo prendiamo in un bar?

Indicazioni terapeutiche: Questi uomini sono astuti e indecifrabili, prima di tutti con se stessi. Non si capisce mai dove vogliono arrivare fino a quando non ci arrivano. E a quel punto è troppo tardi per noi donne, perché il gioco della seduzione ci ha travolte in tutti sensi, ma non in tutto il “sesso” che desideravamo.
Con apparenti remore e con un fascino acerbo, questi uomini riescono a conquistarti. Il seduttore che viene sedotto. E’ cosi che si sentono o meglio, è cosi che li piace sentirsi per non tradire la fiducia della donna che dicono di amare. Solitamente questa categoria terapeutica è indicata nei periodi di transizione, quando ancora una donna non sa bene ciò che vuole o  semplicemente quando vuole vivere solo momenti fugaci e struggenti, basati pero’ solamente su un’attrazione più platonica che fisica. In questo loro sono i compagni ideali perché appaiono e scompaiono con una facilità invidiabile e sanno regalarti conversazioni idilliache dove ti fanno sentire la donna più intelligente di questo mondo, ma non la più desiderata. Scordatevi il gran sesso! Ti vogliono e non ti vogliono. Ti toccano ma poi si fermano. E’ un gioco al ribasso.

Modalità di assunzione:  Vista l’incertezza in cui loro stessi vivono si consiglia di assumerli in un’unica dose. Preferibilmente si suggeriscono al massimo tre incontri se non volete andare incontro a crisi di identità femminile. Prima di incontrarli è fondamentale un training autogeno; servirà a rilassarsi, ricordando che ogni parola che loro dicono è frutto di un gioco sottile di equivoci in cui loro vogliono essere gli attori principali. Voi siete solo comparse, pur avendo menti brillanti naturalmente.

Avvertenze speciali:  Evitare accuratamente di scrivere loro dopo il primo pseudo approccio sessuale, perché con loro è davvero difficile arrivare ad avere un rapporto completo! E’ meno faticoso scalare la vetta del monte everest. Aspettate che siano sempre loro a farsi sentire. Questo potrebbe aiutarvi molto per non sentirsi dire: “Perdonami se puoi, ma tu non sai il mio lavoro quanto mi prende. Mi lascia poco spazio per tutto il resto” .
Con questa frase potrebbe cascarvi ogni tipo di fantasia o peggio ancora, potrebbe farvi venire una seria crisi sulla vostra femminilità. Altamente sconsigliati a donne estremamente insicure. Ogni parola potrebbe risultare letale per queste donne.

Effetti collaterali: L’effetto collaterale più pericoloso può essere quello di andare incontro ad una gravidanza inattesa. Vista la loro costante indecisione nel viversi la sessualità con un’altra donna, questi uomini non portano mai con sé nessun tipo di protezione. O non ci pensano, o se lo dimenticano, o non era previsto. Le scuse sono molteplici. C’e’ l’imbarazzo della scelta. La cosa sbalorditiva è che a loro basta cosi’: un petting adolescenziale molto piacevole, ma anche in questa situazione la donna può essere più volte stoppata con un: “Fermati fermati”. Un mistero che può rimanere irrisolto oltre che ad un’insoddisfazione non indifferente da parte della donna coinvolta.

Suggerimenti: Dato che questi uomini hanno frequentato non solo l’accademia della comunicazione strategica, ma soprattutto, la scuola degli amanti, si suggerisce vivamente alle donne che li incontrano di scomodare il compositore Mozart con una delle sue più celebri opere “Così fan tutte”.
Una scorsa veloce potrebbe esservi d’aiuto per capire il significato delle scene che state vivendo. Con loro bisogna giocare d’anticipo. A loro piace sentirsi “guidati”. Li fanno sentire meno in colpa e forse ce la farete a portarli a concludere. Ma il consiglio principale è quello di rimanere su un piano puramente amicale e platonico. Li possono davvero darvi grandi soddisfazioni.

Condividi