Vaccini autismo nessun Legame

2801
Vaccini-autismo-nessun-legame

Vaccini autismo nessun legame a garantirlo è l’OMS.

Vaccini autismo nessun legame– Sulla scia delle recenti polemiche e discussioni inerenti ai vaccini, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ribadisce nuovamente la mancanza di un nesso provato e scientificamente testato tra la somministrazione dei vaccini e l’insorgere dell’autismo nei bambini.

I dati resi pubblici in seguito ad un’inchiesta, sul tema, aperta dalla Procuraa di Trani, sarebbero inidonei a dimostrar effettivamente un legame tra la malattia e la somministrazione dei vaccini sugli infanti.

Al centro del fuoco incrociato delle polemiche, il vaccino trivalente (anti morbillo – epatite – rosolia), ma la risposta dell’OMS si allarga a qualsiasi vaccino pediatrico.

Già dai primi Anni Duemila, l’OMS si era occupato di tale materia affidando alla ricerca gli studi sul vaccino trivalente e il correlato rischio di autismo: i risultati erano stati successivamente sottoposti al Global Advisory Committee con Vaccine Safety (GACVS). Gli studi epidemiologici e di laboratorio avevano convinto il GACVS dell’inesistenza di una qualsiasi relazione tra vaccini ed autismo.


Il farmacologo Garattini evidenzia l’importanza di tale verificata inesistenza anche da un unto di vista giurisprudenziale e giuridico, avvisando i magistrati italiani del pericolo di determinate loro affermazioni o sentenze, potenzialmente dannose per l’opinione pubblica e per la corretta diffusione della verità scientifica.
In seguito all’ennesima inchiesta in merito a vaccini ed autismo, esemplifica Garattini, il numero di genitori preoccupati per i possibili rischi conseguenti al vaccino aumenterà esponenzialmente, con il pericolo di un rifiuto di massa (ingiustificato) nei confronti del vaccino e la potenziale ed allarmante diffusione di malattie infantili (alcune delle quali possono presentare conseguenze anche particolarmente gravi per la salute del bambino).

I movimenti anti vaccini, ricorda infine Garattini, non hanno alcuna valenza scientifica: è chiaro che il vaccino sia strutturato e somministrato in modo da reagire contro un determinato microrganismo ma non è sicuramente in grado di sviluppare o far regredire i presupposti di un disturbo autistico.
Si ricorda inoltre che colui il quale, tempo fa, ha diffuso determinati dati statistici tali da far sorgere la convinzione di un legame (si ribadisce, di cui si è verificata l’inesistenza) tra vaccini ed autismo è stato radiato dall’albo.
La causa dell’autismo sarebbe da ricercare invece nel grembo materno.

Condividi