Villa B. – Lione e l’architettura bioclimatica

1474

Architettura Bioclimatica il caso di Villa B. a Lione

Architettura Bioclimatica- Nel cuore della Francia sorge un’abitazione dall’aspetto insolito, un cubo in legno perfettamente inserito nella natura, una struttura particolare nella forma quanto nel “contenuto”. La casa in questione è infatti concepita in funzione del risparmio energetico e del rispetto totale dell’ambiente mediante l’utilizzo di tutti gli elementi naturali, vento, luce solare, vegetazione circostante acqua.

Siamo ai margini della città di Lione, nella regione del Rodano è lì che sorge Villa B: un parallelepipedo di legno (m 10 x m 11) orientato nord-sud e sfrutta le caratteristiche naturali del legno per ridurre le dispersioni termiche e ricreare un ambiente interno sano. Tutto è estremamente soppesato e nulla è lasciato al caso: dalla progettazione alla sua omologazione. La struttura è molto semplice in sé considerata. Ha delle grandi aperture che permettono l’entrata della luce durante le ore del giorno, garantendo così un grande risparmio energetico.
Il perfetto orientamento della villa consente di captare il calore solare: le doghe in larice disposte verticalmente lungo la facciata si trasformano in brise-soleil mobili per schermare i raggi solari diretti. Durante il periodo invernale sono l’impianto solare, la caldaia a condensazione ed il riscaldamento a pavimento, a svolgere il ruolo più importante nel riscaldamento della casa, grazie ovviamente al supporto di un involucro edilizio ad alte prestazioni perfettamente coibentato.

I consumi energetici sono sostanzialmente bassissimi ed in linea con una visione ad impatto zero con la natura circostante. Questa casa gioiello è il risultato dei progetti dell’architettura bioclimatica che si basa sull’ottimizzazione degli scambi energetici di un fabbricato con l’ambiente naturale esterno e, più che un nuovo approccio alla progettazione degli edifici, può essere vista come la riscoperta di un modo più tradizionale di concepire l’architettura, molti dei principi della moderna architettura bioclimatica, infatti, si rifanno a tecniche di costruzione utilizzate in passato quando, data la scarsità di risorse energetiche, l’adattamento all’ambiente circostante rappresentava l’unico modo per proteggersi da condizioni climatiche avverse.

Villa B. è il trionfo della semplicità, della natura e dell’architettura intelligente che ci racconta la favola più antica di tutte, quella dell’uomo e della sua casa che vive di sole, di acqua, di vento.

00_oggetto_editoriale_720x600

Condividi