WhatsApp, arrivano le chiamate tramite VoiP ed anche le prime truffe

296

Sono finalmente arrivate le tante chiacchierate telefonate tramite WhatsApp, ovvero il servizio di messaggistica istantanea più utilizzato al mondo. Si tratta di un servizio annunciato già da parecchio tempo e soprattutto tanto desiderato dagli utenti che a partire da ieri possono già effettuare le chiamate VoiP attraverso i propri smartphone Android.

Dunque, come già anticipato si tratta di un servizio disponibile al momento soltanto per i possessori di smartphone e dispositivi Android mentre chi è in possesso di un iPhone dovrà attendere ancora qualche altro giorno. Per poter usufruire di questo nuovo ed innovativo servizio bisognerà installare la nuova versione 2.12.19 dell’applicazione ed automaticamente vi comparirà sullo schermo in alto una tabella dove potrete leggere chiamate, di fianco a Chat e contatti. Consigliamo di scaricare la versione direttamente dal sito ufficiale in modo che il servizio così venga automaticamente attivato, ciò non toglie che potrete ritrovarvelo sullo smartphone senza fare nulla grazie ad un’aggiornamento automatico.

WhatsApp, arrivano le chiamate tramite VoiP ed anche le prime truffe

Il servizio, inoltre, si attiverà grazie ad un invito, ovvero bisognerà ricevere la chiamata da qualcuno per poter essere operativo. Attenzione alle truffe, perché da quanto è emerso dal momento in cui è arrivato il nuovo servizio delle chiamate tramite WhatsApp siano arrivate anche le prime truffe, tramite dei messaggi falsi per poter attivare il servizio,con tanto di catene, link ingannevoli, truffe e spam.Cosa fare? Ovviamente non rispondere al messaggio e cancellare il tutto. “Chiamate Whatsapp | Attiva ora le chiamate gratuite! http://chiamatewhatsapp.com” oppure “Congratulazioni! Sei stato invitato a provare WhatsApp Chiamate. Invita 10 amici per attivare le chiamate gratuite di WhatsApp”, sono questi due esempi di truffa che al momento circola sul web e di conseguenza sui vari smartphone ecco perché bisogna stare attenti ed evitare di cliccare sui vari link in allegato.  

Condividi